FutaBlog, il blog di Christian Fusi

Barbouillage e pubblicità

Sta per "scarabocchio". I francesi (che per Walter Molino, autore dell'articolo, su queste cose sono avanti), ispirandosi a Yves Gradis, lanciano la sfida alla pervicace presenza della pubblicità nella vita di tutti i giorni. In pratica si ritrovano in gruppi organizzati via web, spuntando all'improvviso nelle fermate della metrò parigina, e imbrattano/modificano i manifesti pubblicitari. Poi la polizia li arresta, i giornalisti assistono, la faccenda diventa notizia e gli aderenti all'iniziativa aumentano. Mentre leggevo questa cosa mi è tornato in mente un articolo che parlava del film Minority Report. Ricordate le pubblicità che dai loro schermi giganti vi riconoscono e vi chiamano per nome? Inquietante.
Ce ne sarebbero di spunti per un saggio tipo "La pubblicità commerciale nei film di fantascienza", probabilmente qualcuno l'ha già scritto, con in copertina questa foto di Blade Runner.

Pubblicato nella categoria cybercultura il 30.12.03

commenti Commenti lasciati (0):

AVVISO: dopo 5 giorni dalla pubblicazione del post non è più possibile commentarlo. Questo per limitare lo spam.