FutaBlog, il blog di Christian Fusi

Archivio per categoria: cybercultura

accessibilità post: 8 | attualità post: 1 | coseweb post: 4 | curiosità post: 2 | cybercultura post: 71 | fotografia post: 16 | mac post: 10 | mondoblog post: 43 | musica & cinema post: 11 | nel web post: 94 | Off Topic post: 56 | software post: 21 | webdesign & CSS post: 70 |

19.02.07

Media-Maeda-Guru

guru.gifDomani riprendono alla Mediateca gli incontri denominati "Meet the media guru" con un ospite di notevole fama: John Maeda: professore emerito e codirettore dell'M.I.T. di Boston, o meglio "A hybrid of the last living Samurai and the last living exponent of the Bauhaus" (come lo definisce G.Levin). Ci parlerà di The Laws of Simplicity che e' una ricerca, un blog e oggi un libro. Io ci sarò sicuro.

16:49 | Comments (2)

27.08.06

Coseweb - vi spiego

Ho ripubblicato oggi diversi testi che avevo scritto e inserito in questo blog e che volevo fossero una sezione fissa. Erano alla pagina coseweb.html (e lo sono ancora) sotto alla voce "Vi spiego" poichè l'intento è quello di spiegare con parole semplice alcune dei termini del web e delle tecnologie più in uso al momento. Ripubblicandoli come post - sotto la categoria "coseweb", io posso gestirli in modo più dinamico e voi potete commentarli. E ovviamente, posso aggiungerne di nuovi ;)

17:28 | Comments (0)

06.06.06

Lavoratori digitali e network

Questo è il blog di un "libero professionisti digitale", e anche molti di voi che mi leggete, probabilmente lo siete. Ci ha descritto la situazione in maniera davvero precisa un "collega", Dario Banfi, in questo suo articolo per Apogeo Online. Quando poi inzia a parlare di "network" o "reti lunghe" come le definisce il sociologo Bonomi, mi viene spontaneo di pensare che è esattamente quello che da molto tempo mi ronzava in testa: concretizzare il mio network, nato dall'incontro con altri come me attraverso i miei lavori e anche grazie a questo blog. Ho sempre pensato che a garantirmi nel mio lavoro non sarebbe servito nessun "albo" o "contratto", ma le mie competenze acquisite di giorno in giorno (con fatica e dedizione) e la disponibilità a fare sempre del mio meglio. E ha funzionato.
Il passo successivo è mettere insieme molti di noi, affinchè il meglio di ognuno contribuisca a far crescere il network, non solo nelle conoscenze - che già siamo disposti a condividere - ma anche in modo pratico, nel lavoro di tutti i giorni con i clienti. Beh, in realtà il passo lo sto (stiamo) per fare, e si chiama Websushi.

22:43 | Comments (2)

17.11.05

Due campagne

liberty_waits_md.gif   kill_bill_button.gif


(1) Attraverso Blogs4biz scopro che la Electronic Frontier Foundation (EFF), nota associazione no-profit di difesa dei diritti digitali, ha lanciato questa raccolta fondi per poter continuare a difendere anche in tribunale i molti casi di blogger denunciati per quello che hanno scritto.


(2) Kill Bill's browser, ovvero 13 buone ragioni per abbandonare Internet Explorer e usare Firefox.

15:47 | Comments (0)

Modi di dire

Esistono modi di dire o di chiamare le cose nel gergo informatico che suonano quantomeno curiosi. A volte sono termini tecnici, altre di marketing, qualche volta nascono dallo slang dei geek (smanettoni). Mi piacerebbe raccoglierne qui qualche d'uno. Io inizio, voi poi suggerite.


Spaghetti code

Codice di programmazione scritto male, confuso, incasinato, illeggibile

Tag Soup

Codice html scorretto, dove i tag (elementi) sono disposti o scelti in modo errato o caotico

Killer application

L'applicazione (o il gioco) che è talmente entusiasmante e geniale da "uccidere" letteralmente la concorrenza e dare un vero motivo alla gente per usare il mezzo (web) o comprare quel prodotto (console).

11:31 | Comments (2)

08.11.05

Open, in tutti i sensi

Appoposito di roba "open", due segnalazioni:

14:54 | Comments (0)

Dibattito

Su <Edit>, il blog di HTML.it, si discute se Soluzioni personali o codice altrui ?. E' da sempre anche un mio dilemma, ancorpiù per il fatto di non essere un programmatore. L'unica certezza e che la scelta va fatta caso per caso.

Non credo che la scelta di utilizzare codice altrui velocizzi molto il lavoro, spesso anzi lo rallenta rendendo la personalizzazione anche di piccole parti del codice un vero "casino". Poi rimane la difficoltà di sceglierlo, la certezza di non avere il controllo al 100% sulle future versioni, la fatica di "levare" ciò che non serve (anche se dubito molti si prendano quest'onere, lasciando al cliente tonnellate di codice che non gli servono e un interfaccia spesso terribilmente affollata).

A favore però c'è un debug più facile, future migliorie e plugin, documentazione, e.... meno costi (solo se, come dicevo, si ha la fortuna di trovare codice "perfetto" per l'uso).

La via di mezzo, direi saggia, è quello di condividere, riutilizzare, migliorare "parti" di codice, librerie, piccoli pezzi di applicazioni. Sempre che le tecnologie lo permettano, consolidandosi nel tempo e restando accessibili a tutti (es. PHP).

Nota a parte per le pratiche di "hacking"... passatemi il termine, ma quante volte vi è capitato di sfruttare del codice nato per fare una cosa in un modo che non era stato pensato dal suo autore? a me spesso.

Voi che dite?

13:19 | Comments (1)

02.11.05

The Long Tail

Nella mia pagina "Vi spiego" su questo blog, oggi ho aggiunto la voce Long Tail. Come le altre, è una spiegazione semplificata per chi non è "del mestiere" ma che, viste le numerose volte che ormai si cita questa teoria, ne abbia sentito parlare e si sia incuriosito. Spero apprezzerete il grafico nella mia interpretazione.

16:01 | Comments (1)

26.10.05

Feed - OPML

Visto che in questo periodo continuo a linkare senza citare le fonti, diciamo che spesso provengono dai siti che controllo con il mio aggregatore o che ho tra i preferiti. Vi passo quindi l'OPML, con i feed sottoscritti divisi più o meno sensatamente in gruppi tipo "ogni giorno", "web authoring", "blog italici" ecc.ecc.
(Leggete qui se non sapete cos'è un feed RSS, l'OPML è il formato del file con cui i dati dei feed sottoscritti vengono importati/esportati dagli aggragatori.

Scarica FutaFeed.opml

15:25 | Comments (0)

10.10.05

RSS, uno studio

Visto l'incontro di Giovedi di cui parlavo nel post precedente, mi torna utile leggere questo white paper commissionato da Yahoo: RSS—Crossing into the Mainstream. [via Blogs4biz]

Da sempre spingo per l'adozione degli RSS pur sapendo che tale tecnologia non è certo "semplice" da spiegare alla gente. Ma è uno di quei casi in cui non importa che "capiscano", bisogna solo mostrare loro quali vantaggi possono trarne. Provato un aggregatore, è difficile farne a meno se questo ti fa risparmiare un sacco di tempo nelle tue attività quotidiane. Tant'è che se solo il 4% del campione li usa, ma ben il 27% dell'intera popolazione internet americana conosce MyYahoo e MyMSN, servizi web basati su rss.

Stabilire se gli RSS siano un succeso o un fallimento, può dipendere dunque dal modo in cui leggiamo questi dati. Escono invece confermati ancora una volta due principi che dovremmo sempre tener presenti:
a) rendere la tecnologia quasi "invisibile" è la vera sfida da vincere
b) una tecnologia decolla solo e quando gli utenti sono disposti ad utilizzarla

12:41 | Comments (1)

08.10.05

RSS , se ne parla a Milano

Come mi segnala Marcello dello JUG Milano, hanno organizzato per Giovedi 13 ottobre 2005, ore 18 alla libreria Hoepli un 'incontro dal titolo: RSS Feed ed il Futuro dei Media. Interviene Ben Hammersley: giornalista, blogger, primo ad aver proposto il termine “Podcast”.

Io sarò in platea, ci si vede lì.

13:59 | Comments (1)

05.10.05

Tecnologia e TV (parte 2)

Ieri abbiamo parlato di Tecnologia in televisione. Oggi di Tecnologia e televisione.

La premessa: i mezzi per fare un filmato sono ormai alla portata di tutti. Cellulari di nuova generazione, webcam, videocamere digitali sono assai diffusi, i software di editing e i codec video si trovano anche free, lo spazio dove metterli online c'è (Internet Archive) e ci sono anche piattaforme dedicate (Ourmedia, YouTube, Google video) e aggregatori (Mefeedia).

Diventare videoblogger è semplice e, oltreoceano, è pratica già diffusa (tag vlog su Technorati, su Del.icio.us). Il passo successivo è arrivare a creare una vera trasmissione, un palisensto o addirittura trasmettere in Tv sui canali digitali.
Due esempi:

TGBlog di Marco Montemagno, molto attivo su questo fronte, si propone di diventare, grazie alle collaborazioni, un appuntamento fisso con un 30 secondi di notiziario al giorno, dedicati a internet.

BLOG TV di Nessuno TV (canale 890 di Sky) è un esperimento dove i contenuti vengono realizzati direttamente dal pubblico, attraverso il web, in forma di video-post grazie alla collaborazione con Il Cannocchiale.

21:49 | Comments (0)

04.10.05

Tecnologia in TV (parte 1)

Si può parlare di tecnologia in televisione senza essere banali o annoiare? Sì, si può. Tutto sta nel scegliere il giusto compromesso e la formula migliore. Due esempi recenti:

Tutti i sabati alle 12.45 Marco Montemagno conduce Pianeta Internet su SkyTG24. Due Sei soli minuti in cui si introducono/spiegano dei "temi caldi", con linguaggio semplice, supportati da video e immagini e citando i link del caso. Due, tre argomenti a puntata, qualche video curioso per intrattenimento. Per l'ora e l'audience la scelta mi sembra vincente.

Da ieri invece è partita su E-TV (canale 817 di Sky) la trasmissione Digitalk. Dura mezz'ora tutte le sere alle 23:00, con un solo tema a puntata e molti ospiti (è un talk-show). Ne viene che se il tema non interessa, è dura seguire per mezz'ora. Dalla sua però, vista la prima puntata, devo dire è ben fatta: il tema afforntato , VOIP, è uno dei più caldi al momento e gli ospiti chiamati in studio erano "di peso". Camisani conduce bene, mi aspetterei qualche collegamento in più con Internet (affidati a Francesca) che lui e gli autori della trasmissione (attivi blogger) ben conoscono. E probabilmente anche gli spettatori che su quel canale a quell'ora non ci capitano certo per caso.

I siti dei due programmi sono molti ricchi di materiale, anticipazioni e naturalmente mettono a disposizione i video delle puntate!

15:57 | Comments (1)

28.09.05

Un Conf?

Una cosa che ho sempre sottolineato dei blog è la loro "ricettività". Accade che dopo i Webdays, Ludo di Qix posta alcune critiche alla manifestazione. Ne nasce un confronto, e poi un'idea: una conferenza (o "non-conferenza" ) in italia, di italiani, su temi "scelti" del futuro del web. Gaspar e Antonio non solo rilanciano l'idea, ma è già online un wiki: Un Conf per parlarne. Inutile dire che aderisco molto volentieri all'idea.

21:17 | Comments (0)

Blog e cyberdissidenti

Sul sito Reporters sans frontière è apparso qualche giorno fa quest'articolo e la relativa guida che insegnano ad aprire un blog, a restare anonimi e ad aggirare la censura. La guida, tradotta in 5 lingue (non in italiano) è comprabile nelle librerie a 10 euro e scaricabile gratuitamente dal loro sito a quest'indirizzo: Handbook for bloggers and cyber-dissidents [pdf 1,6/3,4 MB].

10:22 | Comments (0)

26.09.05

Indignazione assistita

Si, al Webdays ho visto Gaspar molto "irritato" per la questione della navigazione assistita e, a dire il vero, io non ho detto nulla. Sarà che di battaglie ultimamente in Italia se ne sono dovute fare molte, troppe, e di queste poche (nessuna?) sono state vinte. Un decreto è un decreto, serve a poco strappare cartelli. Indignarsi è però giusto, avrei dovuto farlo. Gaspar mi associo colpevolmente in ritardo, diciamo "indignazione assistita" ?

22:14 | Comments (1)

13.05.05

Tv-reality, interazione, DDT

Sto guardando molto TV in questo periodo, ma sempre tenendo contemporaneamente un occhio al computer connesso flat e a banda larga. Insomma, mi faccio la TV interattiva DA SOLO. Se sento qualcosa che mi interessa, scatta subito la ricerca in rete.
La tv di questi tempi è dominata dai reality (più o meno terribili). Che ciò sia una conseguenza di come è mutata la società, o il contrario, sta di fatto che queste parole di Sabina Guzzanti sono più che condivisibili:

"Fino a non molto tempo fa, tenevamo la televisione accesa e nel frattempo ci facevamo un caffè, rammendavamo un calzino, facevamo del sesso; oggi noi siamo seduti lì davanti immobili e dentro lo schermo si fanno un caffè, rammendano un calzino e fanno del sesso."

Del resto in questo paese la tv interattiva è solo "annunciata sulla carta" e il digitale nient'altro che calcio pay-per-view.

12:28 | Comments (0)

02.05.05

Libertà di stampa

Nel giorno dello scoop di Neri, scopro che domani, 3 Maggio, l'Unesco proclama il World Press Freedom Day 2005, quest'anno intitolato: "Media and Good Governance". In Italia si festeggierà?

15:15 | Comments (0)

27.04.05

Antivirus oblosleti

Notizia di questi giorni, l'aggiornamento automatico di un noto antivirus ha fatto impiantare un gran numero di computer nel mondo. Risulta evidente a)il danno economico b)il danno d'immagine dell'azienda. Siccome Attivissimo non è un giornalista "superficiale", ne approfitta per spostare l'attenzione sul "sistema antivirus" stesso: è antiquato e fallibile inquanto basato su pattern file (ovvero elenchi di virus conosciuti che vanno aggiornati ogni giorno). Un metodo migliore sarebbe fare il behaviour blocking ovvero impedire i comportamenti sospetti: tentativi di esecuzione o di scrittura o di comunicazione non autorizzati. Solo che

"difetto" del behavior blocking, dal punto di vista di chi vende antivirus, è che rende praticamente inutili gli aggiornamenti continui che motivano i clienti a pagare in continuazione, anno dopo anno

Traete le ovvie conclusioni.

11:56 | Comments (0)

05.04.05

Do you skype?

Allora, se i numeri sono questi, perchè non mi riesce di convincere "i miei amici" a provare Skype? Diffidenza? Credo che ormai, tra "early adopter" (si dice così?) e tutti gli "altri", il ritardo sia notevole. Quanti sono ancora disposti a "provare" le cose? So che molti tra voi che mi leggete siete attenti alle novità, ma come sono le vostre esperienze con chi vi è accanto?
P.s. mi sta venendo in mente quella pubblicità che direbbe "Ma come non hai skype?!"... ecco un colpevole.

15:16 | Comments (1)

07.03.05

Nel bene e nel male

:) Tutto quello che riguarda la "folksonomy"
:( Le solite "porcate": patto anti-pirateria, brevetti sul software, fine del Garante e impotenza dell'Antitrust.... può bastare?

11:38 | Comments (0)

04.03.05

KaosTour

Dal 3 al 10 sono a Milano per una "settimana di workshop, dibattiti, seminari su liberi saperi, hacking, autoformazione, copyleft condivisione di risorse e contenuti, scienza e server indipendenti e autogestiti." kaostour.autistici.org

16:04 | Comments (0)

01.03.05

Forse non tutti sanno che

Continuo la serie con questa: Eudora il noto client di posta elettronica prende il suo nome da.... una scrittrice nata nel 1909 in Mississipi! L'autore del programma, Steve Dorner al momento di scegliere il nome per il suo software

[...] thought of the title of a favorite short story he'd read years before--"Why I Live at the P.O." So he named his program after the author of the story, Eudora Welty.

(la mia fonte, sul sito di Eudora)

13:07 | Comments (0)

16.02.05

Vampiri del wi-fi

Stavo pensando di rendere la mia "rete domestica" wi-fi. I cavi son scomodi, il mio mac è già predispoto e Airport Express con attaccato pure lo stereo mi stuzzica. E ste menate sulla sicurezza? Tanto che gli americani han pure inventato la vernice anti-wifi! Quasi quasi rinuncio..... anzi, continuo a "vampirizzare" le onde del palazzo accanto o quella della mia vicina: navigo bene, non pago e loro di questa miracolosa vernice non lo sanno ;)

P.S. Ma il sito del warchalking che fine a fatto? A Milano una mappa la facciamo o no? Io mi propongo per il tram-chalking, visto che ormai è il mio mezzo di trasporto usuale ;)

13:58 | Comments (0)

31.12.04

Solidarietà all'asia

Il web sta fornendo un'enorme quantità di notizie su questa terribile tragedia che ha colpito l'asia. I blogger sono in prima linea. Qui, purtroppo per mancanza di tempo, posso solo fornirvi qualche link e incentivarvi ad un gesto di solidarietà. Grazie.
- Le principali raccolte di fondi
- Molte informazioni sull'accaduto da Wikipedia

11:33 | Comments (0)

29.12.04

Mp3 surround

Ho etichettato questo post "cybercultura" anche se riguarda un software, o meglio un codec audio, per due motivi:
1) Nostalgia. Quando farsi un mp3 era un lavoraccio, usando un grabber per estrarre la traccia dal cd, e poi il codec (quello Fraunhofer, inventato 12 anni fa!) a volte anche senza l'interfaccia grafica. Un cd = una notte! ma poi potevi scambiare le canzoni, online, una per una se la linea non cadeva!
2) Perchè alla fine un semplice codec ha prodotto una rivoluzione!
Beh, per dirvi che, se volete potete essere tra i primi a smanettare gratis con il nuovo Mp3 Surround del Fraunhofer IIS, perlomeno sino al 31 Dicembre.

15:13 | Comments (0)

14.12.04

Lessing a Milano

Il 18 mattina, sabato, allo IULM di Milano un interessante dibattito a cui parteciperà anche Lawrence Lessing (il 16 a Torino). Titolo dell'incontro: "Condividi la conoscenza: nuovi Commons, nuovi diritti”.

21:54 | Comments (0)

23.11.04

Conferenza: APROPOS

Apropos: Comunicazione Aperta ed Innovazione
L'amico (e dott.) Fullo organizza insieme ad Apropos un convegno dal titolo "Comunicazione Aperta e Innovazione" a Faenza (RA) il 10 dicembre. Il programma e gli ospiti son molto interessanti, leggetene di più sul sito. E spargete la voce.

22:46 | Comments (1)

We, the media

Non l'ho letto il libro di Dan Gillmor e non ne ho il tempo per farlo. Intanto diciamolo, c'è la possibilità di scaricarlo gratuitamente dal sito dell'editore. Se ne vale la pena? Leggendo la recensione di Mauro Lupi ne esce che qualcosa forse è un po' troppo "semplificato" ma la lettura ci può stare.

22:38 | Comments (0)

21.11.04

La storia del primo webserver

«Eccezionale! Ma funziona anche su Internet?»
«Certo, è stato progettato proprio per questo.»
«Ottimo, fammi un po’ vedere.»
«Beh, c’è un piccolo problema: tutti i Web server del mondo sono in questo edificio…»

Si, ci sono forse un po' troppe leggende sulla nascita del web (una cantonata l'ho presa anch'io...nel post prima di questo). Nonostante ciò, quando qualcuno che a ragione si può definire "pioniere del web" è in italia a qualche manifestazione, la sala è semi deserta! Beh, io oggi al Futurshow ho sentito la storia del primo web server americano da colui che l'ha creato: Paul Kunz! A gente come lui son grato per quello che hanno fatto. (Prima o poi becco anche Tim)

19:14 | Comments (1)

17.11.04

Forse non tutti sanno che

Visto che mi sembra apprezziate questo genere di informazioni, dovrei pensare ad un rubrica fissa ;) Intanto sapete che:
- I geek hanno un patrono: S.Espedito
- Che l'ERRORE 404 prende il nome dalla stanza in cui agli esordi del web stavano gli omini del Cern (al quarto piano) che rispondevano alle richieste di file da parte degli utenti andandoli a prendere dal database centrale. Quando il file non c'era, la risposta standard era "Room 404: file not found"
- Ci sono pacchetti di dati che si chiamano Cappuccetto Rosso.
Alla prossima.

18:04 | Comments (3)

16.11.04

Panda rosso

Chiariamo quest'equivoco: Firefox (il browser) prende il nome da un simpatico animaletto che non è però una "volpe di fuoco" ma bensì un graziosissimo Panda Rosso!
(The name, firefox, is translated from the Chinese name for the Red Panda, 'hon ho' which means 'fire-fox' [letto qui])

10:23 | Comments (5)

15.11.04

Zio Radio

zioradio.gif
La mia colonna sonora di questa settimana è offerta da Zio Radio, un'idea di Antonio Cavedoni.

14:55 | Comments (0)

24.10.04

Acchiappavirus

Ci credereste che bastano dodici semplici regole per salvarvi da tutti gli attacchi informatici degli ultimi anni?

Se lo dice Paolo Attivissimo, io ci credo. Le 12 semplici regole sono contenute nel suo libro "Acchiappavirus" che l'autore ci permette di scaricare gratuitamente in pdf da qui.

15:55 | Comments (0)

19.10.04

Podcasting

Cioè qualcuno parla (a voce intendo) di qualcosa, insomma fa radio, ma contemporaneamente la registra in mp3 e la mette in un feed. Il mio feedreader intelligente la scova e me la scarica sull'ipod, così poi con calma me la ascolto. Lo spiega meglio Caymag. Interessante.
N.B. Resta solo il fatto che non ho un Ipod e al momento non lo vorrei. Quando avrà anche uno schermo a colori, sincronizzazione con iPhoto e supporto wireless, potrei fare l'investimento. E, dalle indiscrezioni dei beni-informati, è meglio che inizio già a mettere da parte i soldi.

20:41 | Comments (0)

18.10.04

Boom???

Strano come si possa sorridere soddisfatti e parlare di "boom" della banda larga in una dichiarazione i cui numeri dicono 10% delle famiglie italiane. Sarà colpa dell' "ottimismo" del ministro Stanca? (lo stesso ottimismo che i pubblicitari ci vorrebbero far associare all'acquisto di un frigorifero nuovo). E poi di questi, quanti hanno l'always-on? Se la BB la pago un tot al minuto, che incentivo ad usarla è? (per non dire di quanto è molto più cara *qui da noi*, ma l'avete letto in giro e lo sapete già, spero.)

11:26 | Comments (2)

29.09.04

Che paese...

Con tutte le leggi/accordi/fregature che in Italia stanno "distruggendo" la possibilità di avere, almeno in campo tecnologico, nuove opportunità e diritto a servizi decenti (e non parliamo di altri campi) senza dover sottostare a interessi vari o a "stronzate" sparate da incompetenti ministri, credo pure io che almeno si possa "cercare di scegliere informati", come si legge in "Muggiamo perché così cambia tutto". Menomale che qualche buona notizia ognitanto si scova, ricordate gli avvocati di Trenitalia contro autistici.org e la loro satira? Beh, hanno vinto quest'ultimi ;)

11:09 | Comments (0)

10.09.04

La calata dei barbari

Da ridere (o da piangere se col web ci campate) questo confronto fatto da Michele Sciabarrà sul suo sito tra due utenti web, uno del 1994 e uno del 2004. Il tiolo la dice lunga: "La calata dei barbari". p.s. io probabilmente sto nel mezzo... rispetto ancora la netiquette e non scrivo parole con la "K"... ma esagero coi puntini e le emoticons ;)

10:40 | Comments (0)

23.08.04

Hacker e opensource

Se siete affascinati dalla filosofia hacker, leggetevi questo: Come diventare un Hacker. Come dice il testo: "il mondo è pieno di affascinanti problemi che aspettano di essere risolti" [via fullo]. Se poi fate davvero sul serio, l'Università di Bologna inagura un Master in Tecnologia del Software Libero e Open Source [via Zeusnews].

15:29 | Comments (0)

Guida internet 2004

Pubblicata da Laterza, come ogni anno è gratuitamente e interamente consultabile anche online: qui il l'indice. Interessante anche l'analisi di Internet dopo l'11 settembre. E, ovviamente, la sezione dedicata ai blog.

15:13 | Comments (0)

30.07.04

Consumatore-hacker

Si, lo sono. Voglio scegliere e poi capire, migliorare, avere pieno potere su ciò che compro e non sono disposto a subire limitazioni, soprattutto in ambito tecnologico. Quindi sono un convinto consumatore-hacker.
P.S. e da ieri ho un nuovo oggettino su cui concentrarmi: il "Nokiovo" ;)

17:00 | Comments (0)

22.07.04

Bill, taci!

Insomma, un conto è difendere il proprio business, un altro sparare affermazioni davvero poco "credibili" e che, uno come Paolo Attivissimo, ci mette poco a smentire nel puntuale articolo "Gates: l'open source toglie posti di lavoro". Come dice Paolo: Meglio dunque chiarire, prima che certe dicerie, a furia di essere ripetute, vengano scambiate per realtà.

14:32 | Comments (0)

14.07.04

Consiglio: buttate Internet Explorer!

PREMESSA: questo post è per "non esperti".
No IE!Come vi dicevo, la versione 3.0 di questo blog è stata ottimizzata per Safari/Mozilla, non per Internet Explorer nonostante sia il browser più diffuso (diciamo 95% del mercato). Questo blog non è un progetto commerciale, lo faccio io, come voglio io: rispettando gli standard e sfruttando appieno i CSS (semplificando: sono delle regole che dicono al browser come mostrarvi il sito, che è invece scritto in HTML). Quindi il sito (come molti altri di recente progettazione) è più piacevole navigandolo con browser che sono in grado di supportarli appieno. Questi browser esistono:
Mozilla e Firefox (identici come browser, se non che Mozilla contiene anche altre applicazioni, ad esempio gestisce le email) sono ottimi browser, a mio parere I MIGLIORI esistenti al momento. Sono veloci nel caricare le pagine e soprattutto sono GRATUITI. C'è poi una comunità di sviluppatori che segue il progetto (il cui codice è "aperto") e provvede a migliorarlo.
Opera è un'altra buona alternativa per PC. Safari è solo per Mac, dove è il browser predefinito.
Microsoft Internet Explorer 6 (tenersi il 5 quando è possibile aggiornarlo automaticamente è una pessima idea!) è un CATTIVO browser. Senza entrare nei dettagli diciamo che è meno performante degli altri, non supporta a dovere gli standard e soprattutto è in questo momento il browser che più vi espone al pericolo di VIRUS. Inoltre, essendo legato al sistema operativo windows (per questo ha una diffusione così alta), verrà aggiornato solo con il prossimo prodotto di microsoft, Longhorn, che non arriverà prima del 2006. Come tutti i prodotti microsoft, il suo codice è segreto, pertanto solo microsoft può "aggiustarlo" con quelle che vengono dette patch (piccole toppe) e che voi dovreste in continuo scaricarvi (missione alquanto impossibile). A volte tante di queste patch vengono racchiuse in un aggiornamento unico (detto servicepack): un file unico, spesso pesante, che invece vi consiglio caldamente di scaricare. Per sapere che versione di IE avete, cliccate sulla barra il "?" e premete "informazioni su IE". Le service pack installate (di IE 6 c'è solo la 1, del 5 la 1 e la 2) sono elencate come "Versioni aggiornamento: SP1" ecc.. Se non avete la SP, scaricatela cliccando sul menù "Strumenti" la voce "Windows Update" e seguendo le istruzioni.
Se perseverate nel tenervi IE, almeno per voi (e per tutti i navigatori) limitate i danni aggiornandolo.

23:26 | Comments (1)

24.06.04

INCOMPATIBILITA' MAC

Da quando faccio siti (detto alla buona) mi son sempre preoccupato di testare il mio lavoro su più browser e OS e con diverse impostazione hardware. Cosa non facile certo, ma ci si prova. Questa è accessibilità, usabilità, buon marketing (perchè tagliare fuori possibili utenti/clienti?) che per me significa semplicemente "lavorare da professionista". Ora la stessa cosa dovrebbe farla anche chi progetta applicazioni web-based. Dovrebbe, perchè in un mese di navigazione Mac-Safari o dovuto constatare che:
- quasi nessun CMS funziona pienamente
- la web-mail che uso da anni (Tin.it) va un po' si, un po' no
- la mia banca (Bancaintesa) per nulla
- il negozio da cui compro DVD online, non mi ha fatto pagare con la Carta di Credito (su Banca Sella, ma spero sia solo un caso).
Ora, già questa breve lista mi fa incazzare, ma temo la vedrò allungarsi. Per ora ho mandato solo qualche email, a cui nessuno ha risposto. Spero esista in rete qualche sito/elenco di ciò che non funziona (almeno per chi usa Mac-Safari, la cui comunità è molto attenta al problema). Segnalatemeli, che li voglio aggiungere qui sotto.

p.s. altrimenti un sito lo faccio io, e vediamo se non riesco a farlo salire in cima ai motori di ricerca!

14:46 | Comments (6)

15.06.04

I nomi

Devo avere una fissa per i nomi. Quindi, eccovi:
- Apple's internal codenames
- Naming conventions
Quest'ultima tabella [via Fullo] elenca i nomi che i webdesigner più noti usano per definire le parti che compongono i loro template. Io (che stranamente non appaio in quella tabella ;) disolito uso questi: page - header - main_cont - left_cont - footer - box - main_menu - nav . Da qualche parte devo aver letto qualcosa sull'uso del trattino basso che "potrebbe dare" qualche problema con selettori avanzati dei CSS... quindi, magari smetterò di usarlo (se avete informazioni più precise, ditemelo).

11:22 | Comments (6)

23.05.04

iPod - iRaq

Gizmodo: Strip, Pix Burn: iRaq. [un jamming sul tema iPod, come recita SkipIntro]

12:43 | Comments (1)

19.05.04

Decreti e leggi

Io forse non conosco abbastanza bene le leggi e i loro iter ma sembra chiaro che si possa approvarle anche sapendo che sono da pesantemente da correggere (Decreto Urbani) o che dicono l'opposto di quanto affermato in altra sede (Brevettabilità del software).
Uno stupido come me penserebbe che tra pressioni delle lobby e incompetenza di certi "politici", come si faccia una legge e che valore abbia, non sia poi una questione fondamentale.
UPDATE: seguendo Fullo espongo questo:

18 / 05 / 2004 : Muore l'informatica
Legge Urbani - Brevetti sul software

11:32 | Comments (0)

15.05.04

Developer...

L'avevo detto che gli "smanettoni" son fuor di testa. Guardate come inizia questa funzione:

function ChristIsImmanentInAllThings(youBet, justInCase){
thatsFunny = ('coconutsKillMorePeopleThanSharks' + (youBet));
noMoreThankYou = ('thankYourMother' + (youBet));
.....

00:06 | Comments (0)

13.05.04

La sigla del Webbit

Per chi c'era, difficile sarà scordarsi quel grido che ad ogni mezzora, per tutta la notte, è risuonato nell'arena: "I love this company!". Il tizio in questione è Steve Ballmer. Di sue parodie il web è pieno :)
p.s. dimenticavo: "Developers, developers, developers..."

20:11 | Comments (0)

11.05.04

PACM.il.AN

Come al solito noi arriveremmo tardi, ma una partita io la giocherei volentieri: PacManhattan. Chi organizza? [via P.I.]

10:45 | Comments (0)

10.05.04

Douglas Adams

"Il salmone del dubbio" è in edicola a 4,10 euro come numero speciale di Urania (supplemento al numero 1486, con numerazione 16 e data maggio 2004 - 307 pagine).

22:56 | Comments (10)

03.05.04

Agenda Webbit

Ok, il sito del Webbit si è finalmente "stabilizzato". Ho stampato l'agenda con i miei impegni, se qualcuno fosse interessato: Futa al webbit [pdf]. Treno giovedi mattina ore 7.15 dalla Stazione Centrale. Ci si vede? [p.s. Fullo è già dei nostri!]

18:56 | Comments (1)

27.04.04

Virus poetico

Unique people make unique things
That things stay beyond the normal life and common understanding
The problem is that people don't understand such wild things,
Like a man did never understand the wild life

Questo è la poesia allegata all'ultimo virus circolante, il Beagle. [via HTML.it News]

18:13 | Comments (0)

10.04.04

Citazione

Internet non ha curriculum, né valori morali, né filosofia. Non ha religione, etnia o nazionalità. Trasporta semplicemente dei dati, vagoni ferroviari di dati, dati a tonnellate. Internet è sapere elettronicamente sovraccarico, decentrallizato, disorganizzato, multiculturale e fuoricontrollo. Viaggia sui marchingegni e puzza di trascendentale.
[da Tomorrow now, Bruce Sterling]

A me Internet piace per questo.

00:21 | Comments (1)

07.04.04

Appuntamento

DCult 2004: the next BIT generation. Quest'anno è a Milano, il 27-28-29 Maggio. Iscrizioni aperte, maclovers e creativi i più interessati.
P.S. Anche il Future Show di quest'anno, chiamato FuturShow 3004, è stato spostato a Milano (dal 18 al 22 Novembre).

20:05 | Comments (0)

23.03.04

Hackmeeting 2004

L'Hackmeeting 2004 si terrà a Genova, dal 2 al 4 Aprile.

14:57 | Comments (0)

22.03.04

Foto-fonini

Non amo i telefonini che scattano foto. Li trovo un inutile gadget, spesso poco funzionale e troppo costoso. Coi prezzi attuali, una discreta fotocamera digitale consumer abbinata ad un buon telefonino, vengono a costare meno di quei "mezzi cosi". Già si era parlato della pubblicità al limite dell'ingannevole in cui ci facevano vedere scatti da prima pagina fatti con il telefonino, in situazioni di luce e movimento difficili. Chi li ha provati, è rimasto deluso, per non dire ingannato. Poi leggo [su Corriere Economia di oggi] una recensione di un telefonino capace di scattare "fotografie in alta risoluzione (1 megapixel, con zoom 4x)" (alta risoluzione?!) dichiarazioni entusiaste come questa:

"..con questo telefonino oggi mettiamo a riposo le tradizionali macchine fotografiche 35millimetri"
ad opera della responsabile imaging business unit di Nokia. Business, appunto.

14:38 | Comments (1)

Cyber diritti

Il clima che si respira da un po' di tempo in Internet non mi piace molto. In gioco ci sono libertà, diritti e leggi. Senza parlare di quello che avviene in America, basta vedere da noi cosa è accaduto negli ultimi mesi: leggi che costringerebbero i provider a salvare i dati delle nostre navigazioni, chiusura di siti che "linkano" (non ospitano) materiale condiviso sulle reti p2p, approvazione della legge UE sulla proprietà intellettuale (ma non contro il P2P) e il recente Decreto Urabani. Da sfondo a tutto ciò, per creare il clima "adatto" a sostenere queste leggi, lo spettro del cyberterrorismo, le pressioni delle lobby e la campagna di criminalizzazione mediatica di Internet sempre tirato in ballo quando si parla di truffe, pedofilia, pirateria e reati di vario genere. Che dire, il momento è critico. Non so se pensare in positivo, come fanno alcuni, che l'ignoranza in materia internet di chi propone certe "assurdità" come leggi, andrà a scornarsi con l'evidenza dei fatti. Intanto su almeno un tema la questione è chiara: quasi nessuno percepisce la "pirateria domestica" (?) come un reato (tantomeno penale), le major sono "alla frutta" mentre il p2p rimane costante (anzi cresce) e poi, diciamocelo, chi pagherebbe la banda larga alle varie TelCo solo per leggersi la posta? E chi pagherebbe ai provider le strutture (che ancora non esistono e non son certo "fattibili" nell'immediato) per "controllare" il traffico dei loro utenti? Intanto io vi esorto a tenere gli occhi aperti e, per la vostra privacy, scaricate con Mute.
[Questo post non è certo un "editoriale", sono solo spunti su temi complessi. Troverete in rete tutto il materiale per documentarvi sui fatti, ad esempio nell'ottimo punto-informatico.it]

10:41 | Comments (0)

18.03.04

PC e batteri

Per ricominciare a postare, eccovi un link non troppo impegnativo

Un altro rapporto conferma e aggrava le stime del passato: la postazione informatica sul piano igienico lascia a desiderare più di un gabinetto.
[via PuntoInformatico]

21:13 | Comments (0)

08.01.04

PHP e coiti persi

Sto studiando PHP. Magari tra un po' scriverò una funzioncina come questa di Gat che: calcola le lettere battute per scrivere i suoi post, poi le calorie che ha consumato nel farlo, divide per le calorie che si perdono durante un rapporto sessuale (pare 250cal) e ricava il numero di "accoppiamenti" equivalenti (o persi).
P.s. Ma se io avessi da fare così tanto sesso, col cavolo che blog e php...

21:06 | Comments (1)

30.12.03

Barbouillage e pubblicità

Sta per "scarabocchio". I francesi (che per Walter Molino, autore dell'articolo, su queste cose sono avanti), ispirandosi a Yves Gradis, lanciano la sfida alla pervicace presenza della pubblicità nella vita di tutti i giorni. In pratica si ritrovano in gruppi organizzati via web, spuntando all'improvviso nelle fermate della metrò parigina, e imbrattano/modificano i manifesti pubblicitari. Poi la polizia li arresta, i giornalisti assistono, la faccenda diventa notizia e gli aderenti all'iniziativa aumentano. Mentre leggevo questa cosa mi è tornato in mente un articolo che parlava del film Minority Report. Ricordate le pubblicità che dai loro schermi giganti vi riconoscono e vi chiamano per nome? Inquietante.
Ce ne sarebbero di spunti per un saggio tipo "La pubblicità commerciale nei film di fantascienza", probabilmente qualcuno l'ha già scritto, con in copertina questa foto di Blade Runner.

11:38 | Comments (0)

29.12.03

Tempo di bilanci

A fare un riepilogo degli avvenimenti del 2003 legati a Internet ci pensa Punto Informatico. Ad occhio e croce, mi pare... un anno di merda!

UPDATE: Questi sono i fatti dei dodici mesi secondo HTML.IT

11:03 | Comments (0)

09.12.03

Technology

Technology adds nothing to art. Two thousand years ago, I could tell you a story, and at any point during the story I could stop, and ask, Now do you want the hero to be kidnapped, or not? But that would, of course, have ruined the story. Part of the experience of being entertained is sitting back and plugging into someone else's vision.
Penn Jillette (1955 - ), Interview in WIRED magazine, 1993 [via Food4Eyes]

09:37 | Comments (0)

25.11.03

LINUX DAY 2003

Sabato, giornata nazionale di Linux e del software libero. In Italia. A Milano.

10:35 | Comments (1)

18.11.03

Metro olografix

mx.gif
In ritardo di dieci anni, scopro questa Metro Olografix

un'associazione culturale telematica di individui liberi che utilizzano lo strumento telematico per esaltare i loro interessi personali e le loro diversità. Lo scopo dell'associazione è quello di divulgare una "cultura della telematica" che non sia quella proposta dalle logiche di mercato, ma che sia il più fedele possibile a quella originaria dei pionieri delle BBS.
Fortemente consigliata la newsletter.
P.s. dicevo io che il nome mi ricordava qualcosa....

15:25 | Comments (0)

24.10.03

SPAM: come salvarsi?

Ho sopportato il moltiplicarsi dello spam in uno dei miei indirizzi di posta. E' il più vecchio che ho, quello che da sempre ho usato in modo "riservato". Ma ora è in agonia. Direi che l'80% delle mail a quell'indirizzo sono spazzatura. Soluzioni?
Ho letto un po di materiale in rete (tra cui la Pagina antispam di Collinelli) ma in pratica la situazione è questa:
- Filtri sul client (uso Eudora): vanno preparati manualmente e comunque la posta viene scaricata prima di essere filtrata, dunque consumo di banda
- Filtri sul server (Tin.it): ci sono ma anche qui come li stabilisco? Sul mittente, inutile. Sul subject, troppo vario. Per parole chiave, si rischia di cancellare anche messaggi "buoni".
- Un software ad-hoc: potrebbe essere. Voi ne avete provati? Io pensavo a questo Spamihilator.
p.s. ho provato a leggere l'header, ricavare l'IP dello spammer ecc.ecc., ma pensare di segnararli tutti è impossibile, troppo laborioso.
p.p.s. della Spam, l'unica cosa divertente, è la storiella sull'origine del termine. Leggetevela (e ascoltate la canzone) :)

15:36 | Comments (0)

14.10.03

Letta in rete

"Per mandare in orbita il suo primo missile la Nasa ha utilizzato un computer equivalente della potenza di calcolo di due Commodore 64. Oggi per far girare Windows 2000 serve un Pentium 4 a 2,5GHz. Qualcosa deve essere andato storto".

11:53 | Comments (0)

08.10.03

Inutilità tecnologiche

Mister Reset è stato a Smau. Io pure e condivido quello che dice nei suoi post. Da leggere soprattutto questo: "Le inutilità di Smau".

13:41 | Comments (0)

01.10.03

Statistiche del sito

Dopo un mese con il nuovo provider ho finalmente a disposizione delle statistiche leggibili da analizzare.

11:44 | Comments (3)

10.09.03

Calendari, ritoccati!

Un bell'articolo di Paolo Attivissimo su Zeus News titola "Son tutte rifatte!". Di cosa parla? Ma naturalmente delle possibilità date dai software di fotoritocco per intervenire e "migliorare" le foto di fanciulle (famose o non) di cui giornali e web fanno largo uso. Il fotoritocco viene anche usato con gli oggetti, come mostra questa galleria.
Se poi magari la fanciulla è davvero come in foto, il ritocco gliel'ha fatto il chirurgo... Qui non basta il servizio Antibufala di Paolo.

11:32 | Comments (1)

03.09.03

Offerte di lavoro

Diciamo che mi sto guardando in giro, anzi, per essere esatti sto spulciando in rete gli annunci. Intanto volevo partire da questo sito: Lavori Creativi.com . Leggendo le offerte mi sembra chiaro che la confusione sui ruoli delle singole figure professionali sia più che reale. L'unico annuncio che mi pareva adatto a me (ma a qualunque webdesigner) stava alla voce grafici. In quella webdesigner invece vogliono asp,php e jsp. Ma allora gli sviluppatori e i programmatori? Approposito, se siete programmatori flash (intenderanno "veloci"?) dovreste leggere gli annunci per gli art director.
L'unica cosa certa che le standiste stanno alla voce "altro".

15:56 | Comments (0)